I nostri Vigneron:
Campo alla Sughera

Il nostro terroir è ciò che ha reso famosi Bolgheri e il suo territorio in tutto il mondo.

Da oltre 20 anni Campo alla Sughera rappresenta un’eccellenza italiana nel mondo. A raccontarci la sua storia, Federica Allemand, brand manager e Francesco Gagliardi, winemaker dell’azienda.

Il primo capitolo della nostra avventura si intitola Bolgheri 1998: «Campo alla Sughera nasce proprio in quell’anno, in località Caccia al Piano, pochi chilometri dal borgo toscano reso famoso dalla celebre poesia Davanti San Guido di Giosuè Carducci – inizia Federica. – È quello l’anno in cui la famiglia Knauf, geologi e leader in Italia nella produzione di cartongesso, decide di acquistare qui 20 ettari di terreno di cui 16,5 vitati».

Una scelta nata dall’innamoramento per questo terroir che ha reso famosa Bolgheri in tutto il mondo

«I vigneti di Campo alla Sughera sono inseriti in una sorta di anfiteatro naturale, protetto dalle colline ma benedetto dalla brezza del mare – continua Francesco. – Questi fattori irripetibili, uniti ad un suolo di origine alluvionale leggero, con strati sabbiosi in superficie e una base argillosa in profondità, ci regalano vini che coniugano finezza, eleganza e persistenza. Le nostre produzioni non possono che essere l’espressione ultima del territorio che ci ospita e il nostro impegno quotidiano quello di esprimere al meglio l’unicità del suo terroir».

Per questo le 15 particelle in cui sono suddivise le vigne della tenuta, vengono trattate ognuna in maniera personalizzata, nel pieno rispetto del microsistema che le caratterizza.

Una visita a Campo alla Sughera è l’occasione giusta non solo per degustare e scoprire, dalla vigna alla cantina, come nascono questi vini unici, ma anche per iniziare a conoscere questa porzione di Toscana e i suoi tesori paesaggistici e culturali.

«Non si può non visitare il MuseM, il Museo Sensoriale e Multimediale del Vino – suggerisce Francesco – 1500 mq distribuiti su 2 piani che garantiscono al visitatore un’esperienza immersiva nel mondo del vino». «Ed una volta all’anno, , quando viene aperta al pubblico il 16 di luglio, arrivare fino alla piccola torre di Castiglioncello. È qui che nasce il mondo del vino di Bolgheri. Ci si arriva a piedi, 9 km in salita partendo dalla Bolgherese ma la vista che si gode da lassù vale tutta la fatica», aggiunge Federica.

Due luoghi diversi ma entrambi intimamente connessi al vino.

Come le ricette di cacciagione, che in queste zone vengono realizzate con una maestria senza eguali e che ben si abbinano ai grandi rossi di queste terre.

Ebbene sì, il segreto dell’eccellenza e dell’unicità di questo territorio è racchiuso in questo mix di sapori, colori, profumi e panorami. Da nessun’altra parte troverete una combinazione così esclusiva.

In fondo quale altro luogo può vantare un Viale dei cipressi talmente iconico come quello che in duplice filar porta da San Guido a Bolgheri?

Servizi cantina

Visita in vigna e cantina

Degustazioni classica su prenotazione

Contattaci

Inserisci la tua mail e scrivi il tuo messaggio direttamente al vigneron per prenotare uno dei servizi proposti.

Ti risponderà quanto prima.

Indirizzo cantina

Strada Provinciale Bolgherese - Località Caccia al Piano
Bolgheri
Bolgheri
Livorno
Italy

I vini della cantina

Product added to wishlist

Vigneron.Wine usa solo cookie tecnici per la corretta gestione della piattaforma e per l'analisi delle performance del sito.

Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy