I nostri Vigneron:
Sassotondo

Il nostro è un territorio unico e misterioso, conosciuto per il Ciliegiolo, il Bianco e per Pitigliano e il vulcano. Qui si respira magia.

Vignaioli per vocazione, ma soprattutto per scelta. Una scelta che si rinnova giorno dopo giorno dal 1990, anno in cui Edoardo e la moglie Carla hanno fondato nella Maremma di Pian di Conati, a cavallo tra i comuni di Sorano e Pitigliano, Sassotondo, azienda agricola biologica che si dedica alla produzione del vino nell’interezza della filiera.

«Siamo vignaioli – ci racconta Edoardo – e ci occupiamo del ciclo del vino dall’inizio alla fine: dalla coltivazione della vite alla vendita delle bottiglie. Viviamo di questo da oltre vent’anni».

Quando arrivarono qua, non c’era quasi nulla: “un ettaro di vigneto, una casa scassata, 72 ettari di terra abbandonata per anni”.
Con tempo, pazienza e passione le cose hanno cominciato ad evolversi e nel 1997 è arrivata la prima vendemmia nella cantina appena ristrutturata, e poi la prima bottiglia.

Un territorio unico e misterioso quasi magico, quello di Sassotondo che si estende sulle propaggini del bacino vulcanico di Bolsena. Qui, il tufo rappresenta il punto di partenza e di non ritorno, la materia guida a cui tutto necessariamente deve fare riferimento.

«È un territorio straordinario dal punto di vista del terroir – spiega Edoardo. – È di origine vulcanica, e il vulcano è come una specie di aratro che scava in profondità e porta in superficie tutti i minerali. Anche se spento da millenni, sotto sotto lavora ancora e rimanda all’idea di una terra in costante movimento. Basta pensare che a pochi chilometri abbiamo le acque termali. La nostra è una Toscana diversa da quella più conosciuta. Una Toscana selvaggia, immersa in una natura quasi incontaminata».

Molte sono le cose da vedere e da fare in Maremma, ma ai suoi ospiti Edoardo consiglia due mete: «Non si può non concedersi una passeggiata lungo il percorso ebraico del ghetto di Pitigliano. Nel passato la città ha ospitato una comunità ebraica tra le più importanti in Italia.

C’è la sinagoga, ma soprattutto c’è l’antico forno degli azimi. E poi, magari dopo una bella esperienza di trekking lungo le Vie Cave, queste strettoie tagliate nel tufo dagli etruschi con pareti alte fino a 30 metri, fermarsi a visitare la Tomba Ildebranda di Sovana. Questo monumento funebre etrusco, tra i più importanti dell’Etruria, deve il suo nome a Ildebrando da Sovana appunto, vissuto nell’XI secolo e salito al soglio pontificio con il nome di Papa Gregorio VII. È una sorta di tempio che esce dalla roccia, anche questo scavato letteralmente nel tufo, con sotto la camera funeraria».

E per rilassarsi dopo tanta avventura? «Niente di meglio di una bella degustazione dei nostri vini e del nostro olio! L’amaca che abbiamo posizionato tra gli olivi che si trovano di fronte alla vigna Isolina, quella da cui facciamo il nostro CRU di bianco, è per noi, dopo una giornata di lavoro, il luogo ideale per riposarsi ammirando sullo sfondo il profilo dell’Amiata».

Ma prima di tornare verso casa, proprio dopo girata la curva che si trova sulla statale, non dimenticate di fermarvi a scattare una foto allo skyline di Pitigliano… vi garantiamo uno WOW involontario!

Servizi cantina

Visita in vigna e in cantina

Degustazioni di vini e olio su prenotazione

Pernottamento

Contattaci

Inserisci la tua mail e scrivi il tuo messaggio direttamente al vigneron per prenotare uno dei servizi proposti.

Ti risponderà quanto prima.

Indirizzo cantina

C.s. Pian di Conati 52 - Sovana
Maremma Toscana
Sorano
Grosseto
Italy

I vini della cantina

Product added to wishlist

Vigneron.Wine usa solo cookie tecnici per la corretta gestione della piattaforma e per l'analisi delle performance del sito.

Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie Policy